Caratteristiche Tecniche

Caratterizzazione geologica-stratigrafica

Roccia sedimentaria calcarea di origine secondaria, derivante dalla compattazione e ricementazione di depositi di rocce calcaree preesistenti.
La Pietra Piasentina appartiene ai megabanchi carbonatici che costituiscono la potente successione del Flysch del Grivò, originata da processi gravitativi in zona di margine di piattaforme di scarpata, innescati da movimenti tettonici.

Costituzione petrografica

Petrograficamente classificabile come biosparite tendente per la varietà a granulometria più fine a rientrare nelle biomicriti, la Pietra Piasentina è una calcarenite.

Caratteristiche fisiche e meccaniche

La Pietra Piasentina è utilizzata indifferentemente sia all'esterno che all'interno per le sue eccezionali caratteristiche di:

- pietra compatta
- basso coefficiente di imbibizione all'acqua
- carichi di rottura molto elevati anche dopo cicli di gelività
- buona resistenza a flessione ed usura
- inalterabilità cromatica in presenza di agenti atmosferici

Caratteristiche di aspetto

La Pietra Piasentina presenta un colore grigio di fondo, con venature bianche e sfumature tendenti al bruno.
Al variare delle lavorazioni superfi ciali, la Pietra Piasentina risponde con risultati cromatici che, partendo dal grigio chiaro della lavorazione a piano sega arrivano al grigio scuro della lucidatura, consentendo così numerosi accostamenti pur utilizzando lo stesso materiale.
In Italia non vi sono altri tipi di pietra che possano essere considerati veramente simili ad essa, lavorabile sia in spessori sottili che grossi è versatile per ogni genere di impiego dal campo edile, all'oggettistica di design, alle opere d'arte.

Proprietà fisico meccaniche
Valore medio
Prove eseguite presso Politecnico di Torino Dipartimento di Georisorse e Territorio.
Peso di volume 2690 Kg/m3
Assorbimento dell'acqua 0,21 %
Carico di rottura
(alla compressione semplice)
145 MPa
Carico di rottura
(alla compressione semplice dopo gelività)
144 MPa
Modulo elastico tengente 72.600 MPa
Carico di rottura
(a trazione indiretta mediante flessione)
30 MPa
Resistenza all'usura: coefficiente relativo di abrasione al tribometro
(riferito al granito di S. Fedelino)
0,58
Resistenza all'urto
(altezza minima di caduta)
36 cm
Coefficiente di dilatazione lineare termica 6,6 x10-6/°C
Microdurezza Knoop 1830 MPa
Indice di disuniformità della durezza 1,35
Composizione chimica
CaCO3 93,90 %
MgCO3 assente
FeCO3 1,30 %
Residuo insolubile in HCL 4,52 %
Expo 2015 IMV 2015

in collaborazione
con Gal Alpi Prealpi Giulie

etecminds Etec minds